Esperimenti, Tutti gli articoli

Dormire per ricordare?! Si può fare!

Riprendere a studiare dopo le vacanze non concilia con la tua voglia di riposo? Abbiamo una buona notizia per te: Ricordare grazie al sonno si può!

Si può ricordare ma non si può apprendere, imparare durante il sonno non è fisiologicamente possibile, il nostro corpo si chiude all’ambiente e non è in grado di rispondere ed accogliere stimoli esterni.

Furono Jenkins e Dallenbach, 1924 a dimostrare che il sonno crea una serie di condizioni in grado di favorire la ritenzione del materiale appreso in precedenza. I due ricercatori scoprirono il cosiddetto “sleep effect”.

I due studiosi sottoposero i soggetti sperimentali al richiamo di coppie di parole senza senso (materiale coniato da Ebbinghaus) sia dopo un periodo di veglia che dopo un periodo di sonno di varia durata (1,2,4 e 8 ore). I risultati dimostrarono un miglior ricordo se il tempo tra la memorizzazione di materiale dichiarativo e la sua rievocazione veniva trascorso in sonno (“effetto sonno”) questo per merito di una riduzione delle interferenze, in accordo con la domanda sperimentale. Per interferenza si intende la serie di stimolazioni e distrazioni a cui l’individuo è sottoposto in veglia, che richiamano la sua attenzione e la dirottano su elementi diversi da quelli che dovrebbero essere memorizzati, provocando un immagazzinamento meno produttivo.

Figura 1. il grafico mostra le 8 condizioni sperimentali

L’effetto sonno si verifica perché, come suggerito in precedenza, durante lo stato di sonno il corpo si dedica a ciò che avviene al proprio interno, chiudendo le afferenze sensoriali, ossia i canali che permettono la comunicazione dall’esterno all’interno dell’organismo, e quindi non permette distrazioni da parte di stimoli provenienti dall’ambiente esterno, inoltre il sonno rappresenta la cornice fisiologica ideale per il consolidamento, perché avvenga il “potenziamento a lungo termine”, meccanismo fisiologico basilare per l’immagazzinamento delle informazioni.

Per cui una sessione di sonno in seguito ad una di apprendimento potrebbe ottimizzare i risultati del vostro studio! Perché non provare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − 9 =